Categorie
malapolizia

PICCOLE SCARICHE DI TASER TRA AMICI

Il video dell’intervento dei carabinieri a Torino.

In tempi di pandemia, nella vaghezza di un insieme normativo sempre più vasto ed emergenziale cominciano a essere poco chiari i limiti e le restrizioni alla propria libertà personale.
Poco chiari nella percezione di buona parte della cittadinanza, poco chiari nelle teste di chi questo insieme di regole, regolette, decreti e relative eccezioni è chiamato a far rispettare: le amministrazioni locali, i sindaci, le forze dell’ordine, e chissà quali altre oscure figure delegate al controllo dell’ordine pubblico.
Eppure il governo è chiaro, chiarissimo, nel dire cosa si possa fare e cosa no, dove andare e dove no. Il come, il dove e il quando: tutto chiaro.
Mai successo che la Repubblica Italiana capitale mondiale della burocrazia, del busillis, del faldone perduto e dell’incartamento ritrovato, sia stata così chiara.
Diamoci dentro con un po’ di latino elementare, accessibile anche ai portatori sani del morbo di Dunning-Kruger.
Summum ius, summa iniuria. Cicerone, De officiis.
“Esasperata giustizia, esasperata ingiustizia”. Con un “significa” che va sottinteso. Cioè, è sottinteso che laddove si applichi alla lettera la norma è facile che si dia spazio a qualche forma di ingiustizia spesso figlia della discrezionalità.
Anche Tacito, in Heautontimoroumenos, afferma che ius summum saepe summa est malitia (somma giustizia equivale spesso a somma malizia”).
La giustizia evapora nel paradosso di annullare sé stessa per mano dei propri rappresentanti, spesso inetti, incapaci, inadeguati.
Vediamo perché.
Senza dilungarci sull’inutile, irritante compresenza di più forze dell’ordine sul territorio italiano, ci limitiamo a segnalare il ripetersi – a cadenza ormai quotidiana – di episodi di abuso da parte delle forze dell’ordine.
In Italia e nel mondo.
Ma restiamo a casa nostra.
Il più eclatante degli interventi è quello che vedete nel video da cui questo articolo prende spunto. Si tratta di un massiccio intervento dei carabinieri nei pressi di un ufficio postale di Torino ma, cosa più importante, si tratta della prima testimonianza video sull’uso del taser in territorio italiano.
Non è chiaro cosa stesse facendo la vittima di questa aggressione da parte dei carabinieri ma ci sembra che non opponesse particolare resistenza, come commentano in diretta gli stessi autori del video.
Pare non portasse la mascherina, d’obbligo soprattutto negli uffici pubblici.
Pare anche, ma lungi da noi pensar male, che la persona in questione fosse nera.
E si sa cosa succede negli altri stati in cui il taser viene utilizzato ormai quotidianamente, da anni. Si sa cosa succede soprattutto nell’ambito dei complicati rapporti tra polizia e neri.
Le “nostre” forze dell’ordine non operano come in certi stati, ma si stanno impegnando moltissimo ad avvicinarsi a determinati modelli.
Il Covid-19 è un acceleratore eccezionale in tal senso: per neutralizzarlo i governi sono disposti a tutto, anche a entrarti in casa, spiarti con i droni e tracciarti con le app.
Il taser è lo strumento giusto: a differenza di manganello e manette, ormai obsoleti, siamo nella fase immediatamente successiva alla sperimentazione. “Usiamolo”, pensa il maresciallo Schioccalepre di Vitulazio, provincia di Caserta, operativo a Trento, “la legge me lo consente”.
La discrezionalità dei singoli operatori è il detonatore di questa miscela esplosiva: un poliziotto ignorante può stabilire che la tua autocertificazione sia in realtà carta straccia e ti sanziona pesantemente, nonostante la legge sia dalla tua parte.
Alle tue giuste rimostranze – magari espresse in italiano corretto e giuridicamente ineccepibili, per cui incomprensibile agli operatori “meno preparati” – i toni si accendono, la situazione degenera, ti ritrovi circondato da otto divise pronte a spalleggiarsi a vicenda e, se necessario, a frantumarti le ossa sul selciato.
Loro sono la legge, la interpretano, la distorcono, la rappresentano, la applicano come meglio credono e, se necessari in base agli umori del momento.
In questo casino del Covid ogni norma è relativa.
Summum ius, summa iniuria.
Ciò che vale oggi non vale domani.
Parte un colpo di taser…
Senza sapere come né perché, ti ritrovi bloccato a terra. Senti altre sirene arrivare, sono i rinforzi, perché in otto contro uno non basta, bisogna esibire i muscoli o quantomeno richiamare su un intervento le pattuglie che se ne stanno in giro a cazzeggiare o a comminare ammende.
Schiacciato col torace a terra ti viene in mente che altra gente è morta così, svieni per la paura o perché ti manca il respiro o perché sei a un passo dalla morte. Ma l’appuntato Caruso, probabilmente con il santino del duce nel portadistintivo, ha il ginocchio puntato sullo sterno e se ne fotte di te, di chi sei e di chi non sei. Magari sei negro e ti schiaccia con più forza, con maggior piacere.
Ti salva l’ambulanza che arriva, chiamata da chissà chi.
Paranoia? Letteratura? Poliziesco di serie b?
No: realtà.
Sta succedendo ogni giorno, nelle nostre strade, sotto i nostri occhi.
Gli episodi non si contano più.
Summum ius, summa iniuria.
Qualcuno li fermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *