Categorie
malapolizia

22 LUGLIO 2001, GLI ORRORI DI BOLZANETO. LA SENTENZA

Abbiamo deciso di rendere pubblico il file originale del libro Malapolizia. Per impedire speculazioni su altri siti come Ebay e Amazon, da questa pagina, con una piccola donazione a vostro piacere, potete scaricare il pdf impaginato di Malapolizia, Prima edizione del 2011.


22 luglio 2001, ultimo giorno del disastro di Genova.
L’aria sa di sangue, il sangue versato nella scuola Diaz, ma il peggio deve ancora venire. Mentre la calma surreale si impossessa lentamente di una Genova distrutta nell’asfalto e nell’anima, alla caserma di Bolzaneto avvengono violenze, abusi, pestaggi e torture che ricordano da vicino quelle consumate presso la Scuola di Meccanica dell’Armata, un sinistro edificio nell’Avenida Libertador di Buenos Aires, durante la dittatura militare argentina.
La caserma della polizia a Bolzaneto era stata trasformata in un lager dove, al riparo da occhi indiscreti, avvenivano cose indicibili.
Nella sentenza troverete nomi e cognomi del personale di polizia coinvolto nelle torture, nomi già noti ma che è sempre importante ricordare.
Si tratta di un piano ben congegnato.
Se un gran numero di vili agenti di polizia ha eseguito perfettamente un chiaro disegno fatto di abusi, torture e umiliazioni, pagando poco o niente in prima persona, resta da capire chi abbia ordinato e autorizzato tutto ciò.
Molti dei poliziotti coinvolti hanno fatto carriera: agli animali ammaestrati si dà sempre uno zuccherino.

Scaricate la sentenza:

Categorie
malapolizia

ISTANTANEE DA UNA RIVOLUZIONE

Vi mostriamo un pezzo di storia attraverso la galleria fotografica raccolta e organizzata dalla pagina facebook People for #vialadivisa, sulle rivolte in corso negli Stati Uniti.
Attraverso la mappa, possiamo avere contezza dell’inarrestabile dilagare di quella che si prospetta come la più grande rivolta per i diritti civili della storia.
A dispetto di chi diceva che i focolai ribelli fossero esplosi solo nei paesi a orientamento Dem.
Tutte le foto vengono da profili di attivisti schierati in prima linea.